Langhe e vigneti

Roero ma dove lo trovo?

La zona del Roero è in Piemonte, provincia di Cuneo, “di là da Tanaro” come dicono gli autoctoni. Sistemata tra le basse colline astigiane e le large pianure di Carmagnola.

Paesaggio collinare conosciuto in Italia e nel mondo per i suoi straordinari vini. In questa parte della famosa zona Langhe-Roero-Monferrato il territorio ha una conformazione particolare che lo distingue dalle altre due aree.

Territorio del Roero Piemonte, cenni di geologia

Terra, diciamo giovane, su basi antiche. All’incirca 130 milioni di anni fa il Roero era sommerso ed era un fondale marino! Il mare del Golfo Padano. Terreno che si è quindi formato grazie a detriti e sedimentizioni. Le montagne circostanti, erose, hanno dato origini ai paesaggi che possiamo vedere ed apprezzare. Il fenomeno prosegue fino a circa 2/3 milioni di anni fa: le colline emergono e formano l’altopieano del Roero e delle Langhe.

Altro protagonista di questa storia è il Fiume Tanaro. Il terreno sedimentato, friabile, divide le due zone. Di qua e di là da Tanaro (questi non sono ovviamente termini tecnici!). Langhe di qua e Roero di là.

Il Roero di oggi lo vedi davanti ai tuoi occhi: colline, vigneti, boschi e rocche. Vario e intrigante.

Ora passiamo alla parte più sfiziosa: Roero cosa vedere?

I paesi del Roero: quali sono i principali?

famiglie in langhe roero parco didattico

BRA

Vista della Chiesa di Santa Chiara

Cittadina che nasce intorno all’anno 1000 e che non è lontana da Cherasco. Si riconosce l’insediamento medievale sulla collina della Zizzola, anche se non rimane molto del castello e delle mura che furono distrutti da francesi e spagnoli. Molti edifici barocchi rendono interessante una visita a questa cittadina che deve anche la sua notorietà al movimento Slow Food che nasce proprio tra le vie del centro. La Piazza Caduti per la Libertà, Palazzo Traversa, la Chiesa di Santa Chiara e la bella e movimentata Via Vittorio Emanuele sono alcuni punti di interesse.

La città di Bra è apprezzata ed amata anche per le sue eccellenze gastronomiche (la salsiccia di Bra per esempio) ma anche e soprattutto per una manifestazione che letteralmente la travolge: Cheese. Ne parlo poco dopo. In settembre, ogni due anni, Bra diventa la capitale mondiale del formaggio!

POLLENZO

Pollenzo

Da Bra, andando verso Alba si incrocia questo piccolo Comune. Piccolo ma molto conosciuto a livello internazionale grazie all’Università di Scienze Gastronomiche, nata nel 2004, su idea di Carlin Petrini, fondatore di Slow Food. Accanto all’Università troverete anche la Banca del Vino, che risiede nelle cantine ottocentesche del Castello. Castello che fa parte del complesso ricostruito dal re Carlo Alberto che ne fece la sua dimora estiva.

Una passeggiata tra queste stradine è assolutamente consigliabile!

CANALE

il Convento a Canale

Canale è un centro agricolo importante, uva, vino, frutta e soprattutto pesche! Fondato ad inizio del 1200 aveva una pianta ortogonale che si riconosce ancora. La piazza del Municipio ospita la chiesa barocca di San Giovanni oppure dei Battuti Neri. A fianco della chiesa una torre del ‘300. Imponente il castello dei Malabaila, ricostruito nel XVI secolo.

La cittadina è molto vivace e la domenica con i suoi negozi aperti e la sua via pedonale con i dehors dei bar offre una piacevole sosta. Consiglio una visita al negozio di formaggi di Bono Nella ed ovviamente all’Enoteca del Roero!

Se vi trovate in questa zona alla fine di Luglio dovrete sicuramente partecipare ad una delle serate della Fiera del Pesco. Manifestazione che vede in piazza tutto il paese e dove troverete allegria, buon cibo ed ovviamente buon vino!

Non ultimo una buona parte della famiglia originaria di SlowDays nasce in questa cittadina piemontese del Roero. Momento promozione, perdonami!

CHERASCO

Cherasco

La visita di Cherasco è dovuta e necessaria. Questo bellissimo borgo ha un centro storico assolutamente da godere. Testimonianze del periodo medievale si incrociano con il barocco piemontese. E’ una “signora città”.

La storia di Napoleone incrocia Cherasco quando il re Vittorio Amadeo III firmava l’armistizio di Cherasco. Venivano cedute alla Francia la Savoia e la contea di Nizza. I cittadini di Cherasco eressero l’albero della Libertà anche se non furono mai dimenticate le requisizioni di beni materiali e le tante vittime civili.

Oggi Cherasco è famosa per un prodotto famoso anche in Francia, le lumache. L’elicicoltura qui ha una antica tradizione. A Cherasco c’è la sede dell’Associazione nazione elicicoltori. A Cherasco le lumache sono allevate all’aria aperta, su terreno, ed alimentate con vegetali freschi. Per chi ama questo piatto qui trova l’eccellenza!

Ma Cherasco è anche famosa per il suo Mercato dell’Antiquariato, ormai diventato punto di riferimento per migliaia di curiosi e di estimatori. Qui trovate il calendario.

GOVONE

Govone il castello

Questo piccolo comune è ben visibile da lontano, con il suo castello imponente che lo domina. Intorno al paese viti di Barbera, Bonarda, Nebbiolo ed Arnei.

Il Castello di Govone, ricostruito dai Solaro nel XVII secolo, poggia sulle fortificazioni medievali. Era una fastosa dimora di villeggiatura. Il castello è visitabile su prenotazione.

Govone ha avuto una bellissima intuizione alcuni anni fa, diventare il paese di Babbo Natale durante i primi giorni di Dicembre. Questa cittadina del Roero, nel 2018 ha richiamato più di 200.000 visitatori con 100 espositori che di anno in anno aumentano come numero e come offerta. Se avete bambini o se amate ancora sentirvi un po’ bambini, non dovete assolutamente perderlo!

GUARENE

Castello di Guarene in inverno

Guarene è uno strano comune…. Diffuso. Molte volte ci si trova in difficoltà a dare indicazione di indirizzi a chi vuole visitarlo. Sì perché Guarene ha una parte alta, bella, imponente come il suo castello e poi tante parti “basse” dove potete passeggiare incrociando vigne o alberi di “pera madernassa”.

Guarene è proprio un piccolo paese, con una veduta della Valle del Tanaro e con alcuni edifici da notare come la chiesa di San Michele di cui si parla già nel 1300, oppure la chiesa della Santissima Annunziata che fu costruita verso la fine del ‘600.

Per questo paese vorrei consigliarti una passeggiata, si chiama il Sentiero dell’Acino ed un anello panoramico tra campagne coltivate e vigneti che va da Guarene a Castagnito e ritorno. E’ una passeggiata di circa 1h 30 quasi tutta su strade sterrate. Passerai accanto al Castello di Guarene, oggi diventato hotel di lusso, e ti ritroverai a passeggiare sulla cresta con paesaggi meravigliosi in ogni stagione. Consigliato!

MAGLIANO ALFIERI

Magliano Alfieri Il castello

Magliano è un comune che sorge dove si trovava l’antica cittadina romana Mallianum. Si trovava lungo la strada che collegava e che ancora collega Asti con Alba. La cittadina prima sorgeva sulla parte piana ma poi il suo nucleo si è spostato sulla collina dove ancora oggi sorge imponente il Palazzo degli Alfieri che si affaccia sulla collina. L’attuale Castello è stato ricostruito e sembra l’unico rimasto di un insieme di castelli o case-forti, forse sette.

E’ interessante visitare il castello ed al suo interno il museo della cultura del gesso. Documenta la particolare tecnica costruttiva di molte case contadine dell’astigiano. Pannelli di gesso tra le travi del soffitto con decorazioni anche molto elaborate.

Il paese è un punto di ristoro molto fresco durante le calde serate estive e viene scelto dai locali anche per cenare all’aperto.

Guida Langhe Roero e Monferrato

Prossimo capitolo

ANDIAMO NEL MONFERRATO

Il Tour per scoprire il Territorio

Un suggerimento Regala emozioni

Invito alla lettura. Se vuoi approfondire qualche tema legato al Roero

Regali di compleanno per amiche: la guida completa

Cosa regalare alla migliore amica? Cercare il regalo di compleanno perfetto per le amiche può essere un'impresa, ma con la nostra guida, renderemo questo compito un gioco da ragazze. Troverai

Alba Vinum – Fiera del Vino di primavera

Alba Vinum: Di Che si Tratta? Iniziamo la vostra avventura ad Alba con Vinum, festa del vino che si colloca nel cuore della primavera nelle Langhe. La città di Alba,

La Morra Langhe, 5 ragioni per visitarla ed innamorarsi

Visitare La Morra Langhe. Le mie 5 ragioni: Comune di La Morra Langhe con le frazioni Annunziata, Santa Maria, Rivalta e Berri La Morra Langhe, vicino ad Alba, ha il