La ricerca del tartufo nelle Langhe

Personaggi e interpreti!

Il tartufo profumato è nascosto sotto terra. Vicino alle radici di pioppi, salici, querce, sambuco, alberi preferibilmente solitari, cresce e matura il Re dei tuberi, il Tuber Magnatum.

Il terreno preferito è argilloso, umido, magari esposto a nord. Se l’estate è troppo asciutta, il tartufo stenta a crescere e maturare. Vi spiego queste cose per soddisfare qualche curiosità.  Se invece volessi diventare un cercatore di prezioso Tartufo, ti conviene cercare di “corrompere” qualche Trifulau!

Ecco i trifulau, che in questi giorni affilano le “armi”. Cominciano a portare i loro cani ad allenarsi, alla mattina, anzi all’alba. Cosi il cane non è distratto dai rumori e … le zone restano segrete!

La stagione più colorata intanto è arrivata. Le colline delle Langhe cominciano a vestirsi di un foliage giallo, arancio, rosso come un sipario che deve aprirsi sulla stagione più malinconica e dolce.

E quindi lascia che ti racconti lo spettacolo della Ricerca del Tartufo nelle Langhe. Tartufo bianco di Alba oppure la trifula, se vuoi sembrare un indigeno!

Ricerca tartufi, come si svolge

All’arrivo incontrerai il trifulau e l’attore principale, il suo cane.

Il trifulau è un appassionato di natura, di boschi, di passeggiate e di cani. Ed è piuttosto solitario. Perché la ricerca che porta a ritrovare il luogo dove cresce il Tartufo nelle Langhe, è un luogo segreto e ben celato. Perche il Re Tartufo è abitudinario ed ama crescere nello stesso luogo. E quindi se lo trovi oggi facilmente lo ritroverai nella prossima stagione.

Il suo cane è stato allevato con affetto e con piccoli premi tartufati! È una caccia meravigliosa. Senza spargimento di sangue e con grande spargimento di profumo.

Dopo aver conosciuto gli attori della giornata ti verranno descritti i luoghi, le tecniche e qualche cenno gastronomico del mondo dei Tartufi.

Si parte per la Ricerca del Tartufo

Poi si parte. Si va per boschi. Scarpe comode importantissime! E si sente passo passo la tensione che cresce.

La voce del trifulau che incita il suo cane

Dai, Dai, Brava, ancora ancora ”  … ed il cane che si muove come un segugio allegro ed eccitato.

E poi il momento magico. Il  cane ha annusato il tesoro. E scava con ansia ed impazienza. E qui il trifulau interviene a calmarlo: il Tartufo è lì ma a questo punto sono due i contendenti. Il cane che vorrebbe azzannarlo ed il trifulau che vuole estrarlo dolcemente.

La tensione sale ed i compiti si dividono. Il trifulau scova il Tartufo e deve sottrarlo alla golosità del cane! Ma poi il tartufo esce dal suo nascondiglio e noi, tutto intorno, sentiamo il profumo inebriante.

Il cane si calma e riceve un premio per la sua fatica.

Spero di averti trasmesso, anche solo in parte, la bellezza di questa sfida ed il piacere di capire la natura come si esibisce.

Se poi, come gran finale, anche tu che hai cercato e cacciato insieme al trifulau, otterrai il premio, allora l’esperienza sarà ben conclusa!

Due uova con una grattata? Un piatto di tajarin? Più è semplice il piatto e più si sente il tartufo, questo ovviamente è il mio modesto parere!

Cosa aspetti? Il Tartufo migliore si trova in Autunno!

Comments

Lascia un commento