Cosa fare nelle Langhe in autunno: vini, colline e tartufi
Langhe per perdersi nel tramonto

Il Ferragosto ormai è passato, per molti le vacanze sono appena finite, mentre per altri sono già un lontano ricordo… ma perché disperare quando anche in autunno si possono progettare dei magnifici viaggetti?

Eh sì, è proprio arrivato il momento di cominciare a pensare a cosa fare in autunno. Noi di Slowdays, vi diamo qualche consiglio. Come sapete siamo creatori di esperienze su misura!

E’ vero che il Piemonte e le Langhe sono interessanti e piacevoli da visitare in tutte le stagioni. Sicuramente l’autunno è il periodo più gettonato e frequentato da turisti di tutto il mondo.

I motivi sono ovviamente molteplici!fiera del tartufo alba

Uno di questi è la Fiera Internazionale del Tartufo Bianco di Alba che quest’anno di terrà dal 5 ottobre al 24 Novembre e vede un calendario di eventi ricchissimo per festeggiare il tartufo, pregiatissimo fungo.

Il tartufo è famoso in tutto il mondo per il suo profumo inconfondibile e per i piatti semplici che è in grado di arricchire in un modo unico.

Visita in cantina per scoprire produttori eccellentiAltro re della tradizione enogastronomia locale, è il vino, ma non un vino qualsiasi!

Parliamo di vini di qualità eccezionale, come il Barolo e il Barbaresco ormai consacrati come vini d’eccellenza e apprezzati in tutto il mondo. Ma parliamo anche vini come il Nebbiolo e il Barbera o i bianchi come l’Arneis o la Nas-cetta

Niente di meglio, in autunno, finita la vendemmia, di poterli degustare in cantina scambiando due chiacchiere con il produttore e annusando tutti i profumi del vino.

E poi uno dei motivi principali per visitare le Langhe in autunno: i colori!

Sì, i colori dell’autunno nelle Langhe sono qualcosa di semplicemente unico: i filari cambiano colore e il verde acceso dell’estate lascia spazio al rosso, al giallo e al marrone regalando scorci e panorami da ammirare!

Ma cosa si può fare nelle Langhe in autunno?  E come apprezzarle al meglio?

Ecco i miei consigli su cosa potrai organizzare

In prima posizione metterei un bel tour dei vini: di cantina in cantina.

Passando tra colline colorate e panorami incredibili, per scoprire e degustare i crus di Barolo e di Barbaresco e sorprendersi per il Dolcetto!

Acquistare il vino dal produttore da godere nelle serate invernali con gli amici o in famiglia, ricordando un’esperienza che va ben al di là dell’acquisto.

Ma come si può organizzare un tour dei vini?

Beh sicuramente con la propria auto, prenotando in anticipo le varie tappe. Ma ci sono molti altri modi.

Ad esempio facendosi nelle langhe in ebikeaccompagnare da una guida locale che ti aiuterà a scoprire i segreti del territorio e dei suoi vini, oppure mai pensato alla bicicletta?

Sto parlando di una e-bike perché non devi sottovalutare le salite, soprattutto dopo aver degustato il Barolo!

Immagina che meraviglia: Un percorso progettato solo per te tra le cantine migliori delle Langhe e con le soste programmate.  E’ un’esperienza davvero indimenticabile!

Per chi di fatica proprio non ne vuole fare allora possiamo anche pensare alla Vespa, un modo unico per esplorare queste colline in libertà!

E perché allora non pensare di andare da una cantina, a un borgo a un belvedere a piedi? Eh sì, abbiamo davvero tanti percorsi a disposizione tutti bellissimi e suggestivi: camminare è un modo davvero slow e bellissimo per scoprire le Langhe!

Ricorda anche che il tuo tour dei vini può durare più di un giorno e potrai abbinare un piacevole soggiorno in una delle tante strutture in collina immerse nei vigneti!

E per chi vuole scoprire altre bontà oltre al vino?

Non si può proprio tralasciare la scoperta del tartufo, ma non solo assaggiandolo nelle osterie o nei ristoranti stellati della zona, ma andando a scoprire insieme a un trifolao e il suo cane i segreti  della ricerca e le caratteristiche dei vari tipi di tartufo.

Ricerca tartufi, una storia bellissima

Partecipare a una vera ricerca del tartufo è davvero un’esperienza unica.

Restituisce il tartufo alle sue origini, non un prodotto per pochi, ma un frutto della terra che ha anche molto a che fare con la salvaguardia dei boschi e della natura.

Si parla sempre di enogastronomia delle Langhe perché si sa, da queste parti, è proprio un’impresa mangiare male!

In quasi tutte le osterie la qualità è altissima e si può spaziare su ristoranti di livelli molto diversi: dalla mitica Osteria da Gemma a Roddino al tre stelle Michelin Piazza Duomo…di certo difficile rimanere delusi!

Anche perché le ricette sono tante e comprendono tanti prodotti di primissima qualità:

come le nocciole delle Langhe e i tanti squisiti formaggi.

Nocciole IGP Langhe

Dimenticavo ovviamente un tour delle Langhe può includere anche questi prodotti di eccellenza oltre al vino!

Sono davvero tantissimi i modi per conoscere e godere di questo territorio: l’importante è organizzarsi al meglio per non perdere tempo e riuscire a rilassarsi.

Per questo ci sono io, Claudia di Slowdays, pronta a organizzare per te un giorno, un weekend o un’intera vacanza.

Andrai alla scoperta del Piemonte, delle Langhe del vino e del tartufo. Se vorrai ed avrai un po’ più di tempo anche qualche zona “un po’ più in là” e un po’ meno conosciuta:  le montagne del cuneese, la bellissima zona del monregalese e di Mondovì,  il Roero oppure il Monferrato.

Scrivimi al più presto! Bisogna affrettarsi per trovare il meglio!

 

 

 

 

Comments

Lascia un commento