Oggi parliamo di nocciole delle Langhe, esperienza da vivere! Incontriamo le “tonde e gentili” di Langa, una qualità apprezzata in tutto il mondo con un gusto e un profumo unici, base per dolci tipici eccezionali come i baci di dama, le torte di nocciola, le creme al cioccolato.

Il Monferrato lo devi scoprire, perchè è una perla nascosta!

L’avevo già detto di essere innamorata del Monferrato? Sì sicuramente! Questo non toglie nulla all’amore che ho per le Langhe e all’affetto che provo per il Roero, ma il Monferrato è per me sempre una sopresa!

In questo blog, si racconta tanto di Langhe e di Piemonte…ma qualche volta si parla anche di me, Claudia, l’ideatrice di SlowDays.

Mi piace definirmi una consulente locale ma anche un’artigiana del viaggio e siccome la fine dell’anno é tipicamente un momento di bilanci, sento il bisogno di tracciare i confini di quello che faccio.

Lo sappiamo, i mestieri “classici” non esistono più, quelli che avevano un nome ben preciso e quando qualcuno chiedeva: “Che lavoro fai?”, sapevi con certezza quale fosse la risposta…

Molti sono i vini che la nostra amata e generosa terra di Langa produce, ma di certo lo scettro del re delle Langhe se lo contendono il Barolo e il Barbaresco…ma, un momento, stiamo parlando degli straordinari vini o dei suggestivi borghi che portano lo stesso nome?

SlowDays speaks “Piemunteis”?  Eh già, ci chiamiamo SlowDays perché vogliamo essere internazionali, ma siamo nati in questa terra meravigliosa che è il Piemonte e quindi parliamo inglese, francese e tedesco ma ci piace ricordare le nostre radici!

Che noia le visite guidate! …O forse no?

Si sa, la visita guidata ha i suoi sostenitori convinti, ma anche molti detrattori.

L’Alta Langa è per chi le Langhe le vuole conoscere davvero.

Eh sì, l’Alta Langa non è per tutti!

L’Alta Langa bisogna capirla, ascoltarla, osservarla in silenzio e solo allora ti entrerà nel cuore e non potrai più fare a meno di tornarci almeno ogni tanto.

Lo conosci il Museo del Latte delle Langhe? No? Nemmeno io!

Il Piemonte ci stupisce ancora: Savigliano e il Museo delle Essenze

Forse sarebbe il caso di finirla con questa elegante “riservatezza” sabauda…certo è vero, ci contraddistingue, è nel nostro DNA e noi piemontesi ne siamo quasi orgogliosi!